Guardavo fuori dalla finestra dell'ambulatorio, il cielo era di un azzurro emozionante, mentre l'oncologo mi spiegava i dettagli della chemio che avrei iniziato il giorno successivo... e pensavo a come fosse possibile un cielo di un azzurro simile in una giornata così grigia per me...

mercoledì 23 settembre 2015

Vita quotidiana: normali deliri mattutini

Credo che in ogni casa
ogni mattina, magari in modo diverso,
si possa assistere ai deliri mattutini.
A casa mia abbiamo quella mezz'ora , dalla 6.50 alle 7.20
in cui sembra che un tornado si risvegli dal torpore notturno
ma poi tutto si acquieta 
Suona la sveglia alle 6.40 per Marito
che così può appropriarsi del bagno dei maschi
(si perchè in casa abbiamo due bagni , uno per i maschi e uno per me)
Marito fa la doccia 
io sono in cucina che preparo colazione
(se io rimango un pò a letto e la colazione la prepara lui)
A fatica si alza Figlio più piccolo
che con un occhio chiuso e uno aperto arriva arrancando, seguendo il muro, fino alla cucina
 e nel frattempo vado a sollecitare Figlio più grande
una, due , anche tre volte
intanto il caffè sale nella caffettiera 
Ok. Ce l'abbiamo fatta.
Siamo tutti seduti a tavola: chi beve caffè, 
chi mangia yogurt e cereali, chi latte menta e biscotti
chi si lamenta perchè il caffè lo ha fatto il padre 
e fa schifo (quando lo prepara la mamma è migliore)
io non mi pronuncio perché da quando ho fatto la chemio mi è rimasta la nausea 
al caffè della moka e perciò non lo bevo
Poi si riparte, Figlio più grande  e Figlio più piccolo si alternano tra il bagno e la camera per preparare gli zaini con i libri. 
Io aspetto in cucina mentre sparecchio tavola....
Aspetto..... perchè so che prima o poi 
  arriva uno dei figli che cerca la tal maglia che, è tranquillamente appesa nell'armadio
ma è come se fosse diventata trasparente
(perchè gli uomini non trovano mai nulla?). 
Il primo ad uscire di casa è Marito, bacio, saluto ci vediamo stasera .
Chiude la porta.
Ma il turbine provocato dai figli non si placa,
  stessa scuola, classi diverse, libri in comune
  ovviamente acquistati in copia unica che, ovviamente serve ad entrambi
nella stessa mattinata,
quindi si devono SOLO mettere d'accordo a chi occorre prima
e se questa sembra una normale operazione di comunicazione
così non è, e
occorre un mediatore (la mamma ovvio)
per calmare le acque e stilare un trattato di non belligeranza.
Ok. Questa è sistemata.Battaglia terminata.
All'improvviso si spalanca la porta di casa 
e appare Marito trafelato perchè ha dimenticato il
Pass per entrare in aeroporto e io dovrei sapere, ovviamente, 
dove lui lo ha appoggiato il giorno prima ...
Nel frattempo Figli grande e  piccolo 
sono pronti.
In qualche modo hanno fatto zaini , trovato maglie e pantaloni
e pure le scarpe perchè a volte ne manca una
e ovviamente io dovrei sapere dove si trova 
la scarpa latitante...
Figlio piccolo ha perso le sue chiavi che, ovviamente,  aveva appoggiate
lì, proprio lì dove ora non ci sono e inizia a lamentarsi che qualcuno sposta le sue
cose e poi non le trova e bla.. bla.. bla...
Ovviamente la mamma cerca e le trova sulla scrivania di Figlio più piccolo smemorato
che non perde la testa perchè è attaccata al collo!
Finalmente anche i Figli escono di casa.
Si riapre la porta.
Fiato sospeso, brivido di terrore : che cavolo ci sarà ancora?!
Un avviso da firmare che  firmo senza neppure sapere
cosa sia, vabbè lo leggerò nel pomeriggio .
Purchè i  Figli non perdano il pulman!
uno , due, tre, quattro, conto fino a dieci 
sento il cancello che si chiude
altri dieci secondi
nessuno è tornato indietro.
Ok. Ce l'abbiamo fatta.
In casa cala il silenzio ...quasi irreale...ma così bello!
Non so perchè ma quasi mi sento già stanca
ok ora vado in ufficio a lavorare
e, in un certo senso, mi riposo pure...

52 commenti:

  1. Beata gioventù! Ho nostalgia di quelle mattine ora i miei figli sono fuori casa e ho nostalgia dei" normali deliri mattutini".Buona giornata cara Annamaria

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post di Vita quotidiana ...insomma un tran tran rassicurante ...anche se quando lo vivi non lo trovi così bellissimo ^_^
    P.s. vero chissà perchè i nostri coinquilini non trovano ma la maglia ..o altro ...sembra che volino via ..io ogni tanto vengo accusata di spostarle in continuazione ...percè visto che non ho altro da fare sposto le cose nell'armadio continuamente ^0^
    ..salvo poi comparire appena arrivo io ...mah..'sti uomini ^_^
    un abbraccio grande e serena giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem per me. Vengo accusata di spostare gli oggetti proprio come se non avessi nulla da fare, oggetti che poi , hai ragione , si materializzano magicamente quando arrivo.

      Elimina
  3. Buona e serena giornata, Azzurro cielo.
    Questo post mi ha riportato indietro nel tempo, solo che allora noi avevamo un solo bagno, e al posto dei ragazzi ci sono due ragazze che spesso erano in bagno assieme.
    Comunque la confusione era quella, ti dirò che a volte amavo il turno delle 7,30 che mi faceva uscire prima di tutti.
    In macchina vedevo sorgere il sole e, i bimbi e i genitori che accoglievo a scuola, arrivavano alla spicciolata, parlando a bassa voce come salutassero il nuovo giorno entrando in punta di piedi, era un momento molto intimo.
    Questo clima durava fino verso alle ore 8, dopo c'era la baraonda :)))
    Baci

    RispondiElimina
  4. ah ah ah, hai tratteggiato la mattina classica delle famiglie con figli in età scolastica così bene che mi sono sentita rituffata negli anni e nelle modalità del tempo in cui anche da noi succedeva la stessa cosa. Ora i miei figli ormai sono grandi e hanno famiglia, ma ricordo che anch'io dovevo sollecitare mio figlio 3 o 4 volte fino all'esasperazione perché si alzasse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, quella è una delle parti più difficili. Quando era piccolo riuscivo a tirargli giù le gambe dal letto!

      Elimina
  5. Che meravigliosa e amabile giornata, guai se non ci fossero questi splendidi ricordi!
    Un forte abbraccio carissima Azzurrocielo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì, inizio giornata faticoso, ma meraviglioso sotto tanti aspetti!
      un abbraccio a te

      Elimina
  6. Ahahahah! Mi sembrava di essere lì con te ed assistere alla scena! Fantastico post!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari fossi stata qui! Mi avresti aiutato a cercare , le chiavi , la scarpa....
      Come ti senti?
      un abbraccio a te!

      Elimina
    2. Meglisssssimo dopo la diminuzione del farmaco. Sempre i soliti acciacchi, ma decisamente più sopportabili! :)

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Azzurrocielo.. vitaa da mamma/moglie.. :))
    E poi ci chiamano il sesso debole!!!!

    Io qualche problema l'ho risolto visto che a fglia ha quasi 26 anni però resta sempre quello del bambino più piccolo... il marito! ahahaahh
    Bacio!

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. Lo sai vero che dicono ch e invecchiando si torna bambini??? :O)

      Elimina
  10. Bellissimo spaccato di vita quotidiana.
    Ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
  11. Quando saranno adulti, ricorderanno queste mattine caotiche con grande tenerezza e piacere. I miei tre figli, tutti accasati, quando si ritrovano amano molto ricordare e dai loro discorsi scopro le vecchie birbonate di cui non avevo mai scoperto il colpevole. Che fatica e gioia immensa sono i figli.
    Ciao Azzurrocielo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh chissà se anche i miei ricorderanno questi anni spensierati e caotici...

      Elimina
  12. Grazie per averci fatto passare qualche ora con la tua famiglia. :)

    RispondiElimina
  13. come essere lì...una moschina a osservare e mi immagino le scene...già passate e .....q di queste sicuramente non ne sento la nostalgia....ma a pensarci bene fanno tanto casa....famiglia....besitos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, Gloria ti fanno sentire proprio queste sensazioni

      Elimina
  14. Cara Annamaria, altro che famiglie del Mulino Bianco! Questa è la storia delle NOSTRE mattine, uno spaccato di vita vissuta quotidianamente e come ho letto in più di un commento...quando la frenesia e la concitazione saranno affievolite, vorrà dire che i passerotti sono volati fuori dal nido, magari all'università e tutto diventa un piacevole dolce ricordo
    Un baciotto, buona giornata
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mai potrebbe essere famiglia mulino bianco, se non altro per il fatto che al mattino i capelli sono ancora più indomabili di qualunque altro momento della giornata...

      Elimina
  15. Deliri mattutini che però mettono allegria, mi sembra una bella visione soprattutto quella di voi quattro seduti a far colazione ^_^

    RispondiElimina
  16. Bua Bua Bua.... come mi consola questo tuo post.... Ecco le mamme multitasking... e chi ci ferma più.... Un bacio amica di Blog...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti!!!!! mi piace definizione multitasking!!!!

      Elimina
  17. Ti capisco, la nostra situazione è molto comune in Italia .
    Un abbraccio e un caro saluto da pia cia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma è anche divertente , quando poi ti siedi e ripensi a tutte le scene

      Elimina
  18. Buon giorno Azzurra (..e così anche a tè ho dato il mio nome ..mio nel senso che lo dò io ;)) )
    ti auguro una settimana serena ..o almeno spero sia tale ^_^
    UN abbraccio grande eeee coccoloso ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mia piace Azzurra!!!!!!!!!! una serena settimana anche a te!!!!!!!! un abbraccio immenso!!!!!!!

      Elimina
  19. ahahah ... la vita è bella!

    Io però ho solo un bagno e dobbiamo fare i turni la sera prima, in compenso ho anche un cane che, mentre tutti sbraitano freneticamente, mi guarda fisso negli occhi coem a voler dire "se non mi porti fuori la faccio qui ..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah movimentata anche dalle tua parti la vita.
      Bentornato fra queste righe...mi sei mancato!

      Elimina
  20. C'è tanta allegria.... A casa mia la mattina è silenziosissima. Mio marito si alza e prepara il caffè, mia figlia (ancora per pochi mesi l'anno prossimo si sposa) la mattina non proferisce parola, fa colazione e se ne va a lavoro. Ognuno ha il suo bagno, tre persone tre bagni. Non c'è fila da attendere...... e per questo che ho messo la radiosveglia a manetta. Aggiungete che abito in una campagna sconfinata, dove anche il gallo è pigro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh a volte però io vorrei un risveglio e un inizio giornata tranquillo e silenzioso, ma forse hai ragione così è più allegro!
      un bacione

      Elimina
  21. C'è tanta allegria.... A casa mia la mattina è silenziosissima. Mio marito si alza e prepara il caffè, mia figlia (ancora per pochi mesi l'anno prossimo si sposa) la mattina non proferisce parola, fa colazione e se ne va a lavoro. Ognuno ha il suo bagno, tre persone tre bagni. Non c'è fila da attendere...... e per questo che ho messo la radiosveglia a manetta. Aggiungete che abito in una campagna sconfinata, dove anche il gallo è pigro.

    RispondiElimina
  22. Sono quei meravigliosi deliri che ti colorano la vita e di cui non vorresti mai fare a meno, bellissimo. Felice ottobre a te e un grande abbraccio !

    RispondiElimina
  23. Ciao stella, tutto bene?
    Fai un salto QUA
    Bacio

    RispondiElimina
  24. Che bel Regalo!!!!!!!!!
    Un abbraccione gigante!!!!!

    RispondiElimina
  25. Era così anche da me.....ora i figli sono andati via e ....non so se è meglio così o era meglio prima ....... Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente prima era più faticoso ma gioioso in qualche modo..
      Buona giornata

      Elimina
  26. Aiutooooo si salvi chi può! Meno male che per me è passato tanto tempo... mi sono salvata!
    Coraggio amica mia bella, coraggio.
    Baciobacio sempre per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che il buongiorno non è mai monotono a casa nostra

      Elimina
  27. buon giorno come và? come stai'?..spero sia tutto ben..in! ..e i deliri quotidiani continuino ^_^
    buon WE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Tissi! Tutto abbastanza bene, grazie. I deliri quotidiani continuano giusto per sapere che tutto è nella norma!
      Buon Week end anche a te!!!!!

      Elimina
  28. A casa mia è un delirio pure... due figli e un marito e 4 livelli di casa, che dimenticare una cosa è un su e giù per recuperarla... la grande esce col papà e io resto col piccolo dato che abbiamo un po' più di tempo... per fare guai! L'ultima di oggi: piove, ho un vassoio di muffins da portare a scuola del piccolo, la borsa, l'ombrello, le chiavi... il vassoio va a terra... panico? Nooooo! Solo recuperare il recuperabile, asciugare e andare avanti... sotto lo sguardo allibito del quattrenne con la faccia appiccicata al vetro della macchina e la bocca spalancata.
    Tu chiamale se vuoi... emozioniiii... ;) (L. Battisti)
    Un abbraccio

    RispondiElimina